L‘email resta il pericolo numero uno per le aziende secondo il report State Of The Phish 2022 di Proofpoint

Employee at Organization Taking GDPR Overview Training

L'83% degli intervistati ha dichiarato che la propria organizzazione ha subito almeno un attacco phishing di successo basato su email lo scorso anno, con un aumento del 46% rispetto al 2020; il 78% ha registrato attacco ransomware basato su email nel 2021

Milano, 22 febbraio 2022 - Proofpoint, Inc., azienda leader nella cybersecurity e nella compliance, ha pubblicato oggi il suo ottavo report State of the Phish, che analizza il panorama degli attacchi phishing, prendendo in esame consapevolezza, vulnerabilità e resilienza degli utenti. Secondo il report, nel 2021 gli aggressori hanno intensificato le loro attività rispetto al 2020: durante lo scorso anno più di tre quarti delle organizzazioni (78%)  hanno registrato attacchi ransomware basati su email nel 2021, mentre il 77% ha affrontato compromissioni delle email aziendali (BEC) -con un aumento del 18% rispetto al 2020 -, riflettendo la continua attenzione dei criminali informatici alla compromissione delle persone, più che all'accesso ai sistemi sfruttando vulnerabilità tecniche.

Il report State of the Phish di quest'anno ha raccolto le risposte di 600 professionisti della sicurezza informatica e  3.500 dipendenti negli Stati Uniti, in Australia, Francia, Germania, Giappone, Spagna e Regno Unito, unite ai dati di quasi 100 milioni di attacchi di phishing simulati inviati dai clienti di Proofpoint ai loro dipendenti in un periodo di un anno, con e oltre di 15 milioni di email segnalate tramite la funzione PhishAlarm attivata dall'utente.

Il report include dati comparativi per regione, settore e funzione aziendale, che sottolineano la necessità di un approccio alla cybersecurity incentrato sulle persone. Evidenzia anche esempi di phishing del mondo reale e il valore di una soluzione di training che tenga in considerazione   condizioni particolarmente mutevoli, come quelle vissute dalle organizzazioni durante la pandemia.

Gli attacchi nel 2021 hanno avuto un impatto molto più esteso rispetto al 2020, con l'83% degli intervistati che ha rivelato che la loro organizzazione ha subito almeno un attacco phishing di successo basato su email, in aumento rispetto al 57% del 2020.  Inoltre, più di due terzi (68%) hanno dichiarato di aver affrontato almeno un'infezione ransomware derivante da payload proveniente via email, consegna di malware di secondo livello o altri exploit. L'aumento di anno in anno rimane costante e rappresentativo delle sfide che le aziende si trovano ad affrontare da quando il ransomware è salito rumorosamente alle cronache nel 2021.

"Se il 2020 ci ha insegnato la necessità di essere agili e reattivi al cambiamento, il 2021 ha sottolineato l’esigenza di proteggerci meglio", afferma Luca Maiocchi, Country Manager di Proofpoint. "Poiché la posta elettronica rimane il metodo di attacco preferito dai criminali informatici, è ancora più chiaro il valore nella definizione di una cultura della sicurezza. In questo panorama di minacce in continua evoluzione, con il lavoro remoto che è ormai la norma, è fondamentale che le organizzazioni diano il giusto sostegno alle loro persone e sostengano i loro sforzi per imparare e applicare nuove competenze informatiche, sia al lavoro che a casa".

Il passaggio al lavoro ibrido ha subito un'accelerazione nel 2021, con l'81% delle organizzazioni che afferma che più della metà dei loro dipendenti sta lavorando da remoto (parzialmente o completamente) a seguito della pandemia. Tuttavia, solo il 37% forma i lavoratori sulle migliori pratiche per il lavoro da remoto, cosa che mette in luce una preoccupante lacuna di conoscenza nella nuova “normalità” " lavorativa. Ad esempio, il 97% dei lavoratori ha affermato di avere una rete Wi-Fi a casa, ma solo per il 60% è protetta da password, una grave falla nell'igiene di sicurezza di base.

"Gli intervistati hanno sperimentato un aumento degli attacchi mirati nel 2021 rispetto al 2020, e la nostra analisi ha mostrato che la conoscenza stessa delle parole chiave della sicurezza come phishing, malware, smishing e vishing è diminuito significativamente", aggiunge Luca Maiocchi. "La mancanza di consapevolezza e i comportamenti di sicurezza lassisti dimostrati dai lavoratori creano un rischio sostanziale per le organizzazioni e la loro produttività Il report 2022 offre consigli utili per migliorare la consapevolezza degli utenti, ridurre il rischio e proteggere le persone".

Il report State of the Phish rivela queste ulteriori informazioni:

  • Quasi il 60% delle vittime del ransomware ha pagato un riscatto. Molti (32%) hanno pagato ulteriori somme per riottenere l'accesso a dati e sistemi. Il 54% ha riottenuto l'accesso a dati/sistemi dopo il primo pagamento, mentre il 4% non ha mai più avuto accesso anche dopo aver pagato. Il 10% ha rifiutato di pagare ulteriori richieste di riscatto rinunciando di fatto ai propri dati.
  • Molti dipendenti hanno comportamenti a rischio e non seguono le migliori pratiche di cybersecurity. Il 42% ha ammesso di aver compiuto un'azione pericolosa (cliccato su un link dannoso, scaricato malware o esposto i propri dati personali o le credenziali di accesso) nel 2021. Il 56% delle persone che ha accesso a un dispositivo fornito dal datore di lavoro (laptop, smartphone, tablet, ecc.) ha permesso ad amici e familiari di utilizzarlo per giocare, guardare contenuti in streaming e fare acquisti online.
  • La conoscenza delle parole chiave della sicurezza è diminuita (in alcuni casi, in modo significativo) rispetto all'anno precedente. Solo il 53% degli intervistati è stato in grado di identificare correttamente la definizione del termine "phishing" in una serie di scelte multiple, con un dato in calo del 16% rispetto al 63% dello scorso anno. Solo il 63% ha riconosciuto la definizione di malware (era il 65% nel 2020), il 23% quella di smishing (31% nel 2020), e solo il 24% quella di vishing (30% nel 2020). Il termine ransomware è stato l'unico ad incrementare la percentuale di conoscenza corretta, passando dal 33% nel 2020 al 36% nel 2021.
  • I clienti Proofpoint hanno ottenuto risultati positivi nella consapevolezza e nei comportamenti di sicurezza, anche con test più numerosi e un panorama di minacce più attivo. Il tasso medio di fallimento delle simulazioni phishing dei nostri clienti si è mantenuto stabile all'11% rispetto all'anno precedente, nonostante l’incremento del 50% del numero di test condotti nell’arco di 12 mesi.
  • I dipendenti hanno segnalato costantemente ed efficacemente le email sospette ricevute. Durante ili dodici mesi di monitoraggio, gli utenti hanno segnalato ai loro team di sicurezza più di 350.000 email di phishing di credenziali, quasi 40.000 email con payload malware e oltre 20.000 email spam pericolose.

Il report State of the Phish 2022 è disponibile su https://www.proofpoint.com/it/resources/threat-reports/state-of-phish.

Per ulteriori informazioni sulle migliori pratiche di sensibilizzazione e formazione in materia di cybersecurity, visitare: https://www.proofpoint.com/us/product-family/security-awareness-training.

 

About Proofpoint, Inc.

Proofpoint è un’azienda leader nella cybersecurity e compliance, che protegge dai rischi il patrimonio più importante di un’azienda: le persone. Con una suite integrata di soluzioni basate su cloud, Proofpoint aiuta le aziende di tutto il mondo a bloccare le minacce mirate, salvaguardare i propri dati e proteggere gli utenti dagli attacchi IT. Aziende di ogni dimensione, tra cui più della metà delle Fortune 1000, si affidano a Proofpoint per mitigare i rischi di sicurezza veicolati via email, cloud, social media e web. Ulteriori informazioni sono disponibili su www.proofpoint.com.

È possibile seguire Proofpoint su: Twitter | LinkedIn | Facebook | YouTube