Security as a Service: definizione ed esempi

Sicurezza del cloud
Inizia la tua prova gratuita

Definizione

La Security as a Service (SECaaS) è una soluzione cloud che permette alle applicazioni di andare in esecuzione su server remoti, ma i cui servizi sono integrati con l’infrastruttura informatica locale, inclusi i dispositivi client. Solitamente i servizi di cybersecurity girano sul cloud, tuttavia alcuni ambienti aziendali combinano i sistemi di sicurezza dell’infrastruttura locale con risorse cloud.

La Security as a Service è diventata di uso comune sia per piccole che grandi aziende, grazie agli innumerevoli vantaggi, tra cui: risparmio in termini economici, maggiore affidabilità ed un monitoraggio più avanzato. Con le soluzioni di cybersecurity basate sul cloud, le aziende possono beneficiare di risorse avanzate senza il bisogno di un team dedicato al supporto e alla gestione dei sistemi backend.

La Formazione sulla Cybersecurity Inizia Qui

Inizia una Prova Gratuita

Ecco come funziona la tua prova gratuita:

  • Parla con i nostri esperti di sicurezza informatica per valutare il tuo ambiente e identificare la tua esposizione al rischio di minacce
  • Entro 24 ore e con un minimo di configurazione, implementeremo i nostri strumenti per 30 giorni
  • Prova la nostra tecnologia in prima persona!
  • Ricevi un rapporto che delinea le tue vulnerabilità di sicurezza per aiutarti a prendere subito provvedimenti adeguati contro gli attacchi alla tua sicurezza informatica

Compila questo modulo per richiedere un incontro con i nostri esperti di sicurezza informatica.

Grazie per esserti registrato per la nostra prova gratuita. Un rappresentante di Proofpoint si metterà in contatto con te a breve, guidandoti nei prossimi passi da seguire.

Come funziona la SECaaS?

Come qualsiasi modello basato sul cloud, la SECaaS funziona permettendo agli utenti di sfruttare le risorse messe a disposizione da un data center di terze parti, le quali vanno ad integrarsi con l’infrastruttura locale. La SECaaS funziona in combinazione con la IaaS (Intrastructure as a Service) dal momento che l’hardware può essere messo a disposizione sul cloud con tutti gli strumenti di sicurezza già predisposti. Le risorse in termini di cybersecurity sono costose ma il personale preposto alla gestione di tali risorse è ancora più costoso. Perciò le aziende che si appoggiano a soluzioni di web security basate sul cloud, possono risparmiare centinaia di migliaia di dollari e allo stesso tempo assicurare che la propria infrastruttura sia protetta dalle minacce informatiche.

Il primo passo per un’azienda, è scegliere un provider. Esistono molti grandi fornitori di servizi di cybersecurity avanzati, tra cui Google Cloud Platform, Amazon Web Services e Microsoft Azure. L’azienda dovrà valutare attentamente le varie soluzioni di sicurezza informatica prima di scegliere il giusto provider. Una volta che la soluzione è integrata, abbandonare una soluzione per passare ad un’alternativa risulta complicato e dispendioso in termini di tempo.

I provider cloud solitamente mettono a disposizione una dashboard centrale per usufruire dell’infrastruttura di cybersecurity. Ciò permette agli utenti di gestire dal controllo degli accessi, alle applicazioni antivirus e anti-malware, il livello di crittografia dei dati, il tipo di monitoraggio, e la sicurezza delle email. In questo modo le aziende possono mettere in piedi dei potenti sistemi di difesa in pochi minuti, configurando ogni strumento in base ai requisiti specifici della rete. Dato che i provider addebitano soltanto le risorse utilizzate, i costi sono molto più contenuti rispetto che implementare internamente l’infrastruttura.

Le aziende dovrebbero testare ogni servizio creando un ambiente di test in cloud, tramite le risorse messe a disposizione dagli stessi provider. Gli utenti potranno scegliere i vari strumenti di difesa e testarli in questi ambienti di test per assicurarsi che l’infrastruttura si integri perfettamente con l’ambiente di produzione. Gli strumenti di cloud security funzionano allo stesso modo degli strumenti installati localmente; l’unica differenza è che girano sul cloud.

Qualsiasi risorsa fornita in cloud, può essere interrotta in qualsiasi momento dalla dashboard centrale. Il provider ha il compito di assicurarsi che tutti gli strumenti siano sempre perfettamente aggiornati, ma è compito dell’azienda che usufruisce di tali servizi assicurarsi che le risorse siano correttamente configurate, rispettando gli standard previsti per la propria attività. Questa fase richiede solitamente un audit esperto, accompagnato da test di disaster recovery, emulando attacchi reali. L’audit assicura che, in caso l’azienda venisse colpita da un attacco informatico, le risorse messe in campo a protezione dei dati, siano adeguatamente configurate e funzionino correttamente.

Quali sono i benefici della SECaaS?

Al di là dei benefici in termini di tempo e costi, la security as a service offre molti altri vantaggi per le aziende di qualsiasi dimensione. Chi ha già implementato localmente le proprie infrastrutture difensive si starà domandando se valga la pena passare ad una soluzione cloud. Ecco alcuni dei vantaggi principali offerti dalla SECaaS, che potrebbero aiutarvi a prendere la decisione corretta:

  • Avere sempre a disposizione le ultime tecnologie. I provider cloud offrono ai propri clienti le tecnologie più aggiornate. Ciò significa che l’azienda non dovrà più preoccuparsi di stare al passo con tutti i costosi aggiornamenti rilasciati periodicamente dai vari produttori, per mantenere le proprie tecnologie ottimizzate e sicure.
  • Disponibilità di personale esperto. L’infrastruttura cloud è gestita da professionisti del settore. Per le aziende di dimensioni più piccole, può essere sufficiente cercare online per trovare supporto sui forum o sulla documentazione. Ma per le aziende più grandi, avere a disposizione dei professionisti sempre pronti a fornire assistenza con configurazioni e problemi tecnici, può rivelarsi un fattore di importanza inestimabile.
  • Implementazione più veloce. Installare e configurare un’infrastruttura locale può richiedere settimane, quando le stesse risorse possono invece essere accessibili in pochi minuti tramite una semplice dashboard in cloud.
  • Liberare risorse locali e alleggerire la gestione. Appoggiandosi ad una soluzione cybersecurity as a service, le aziende non dovranno continuare ad espandere le proprie risorse, aggiungendone sempre di nuove. Potranno così liberarsi dei costi delle infrastrutture usufruendo dei servizi cloud e destinare le risorse inutilizzate a nuove tecnologie.
  • Risparmio in termini di costi. Utilizzare servizi cloud comporta enormi risparmi dal punto di vista economico rispetto alla gestione locale dell’infrastruttura. Indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda, pagare solamente per le risorse che effettivamente vengono utilizzate, permette di ridurre considerevolmente i costi di implementazione e gestione.

Esempi di cyber security as a service

Con l’esplosione della popolarità dei servizi cloud, la maggior parte delle aziende ha adottato componenti di infrastrutture di questo genere. Solitamente, i servizi di cybersecurity sono implementati nell’infrastruttura per garantire la protezione e l’integrità dei dati. Esistono molti esempi reali di utilizzo della SECaaS. Vediamone alcuni:

  • Disaster recovery. Molti degli standard di conformità a cui le aziende devono aderire, richiedono un piano di disaster recovery, onde evitare pericolose violazioni delle normative che potrebbero portare a pesanti sanzioni di migliaia di euro. Le risorse cloud possono essere utilizzate come sistemi di backup, failover, o ripristino in caso di incidente informatico, assicurando che l’azienda sia conforme ai requisiti di legge.
  • Monitoraggio continuo dei dati. Anche il monitoraggio è uno dei requisiti imposti dagli standard normativi. Monitorare i dati permette di rilevare potenziali minacce, allertando gli amministratori di rete riguardo ad attività considerate sospette. Tra queste attività, rientrano ad esempio: casi in cui utenti con bassi privilegi tentano di accedere a file sensibili, pattern di traffico insoliti su segmenti della rete considerati particolarmente delicati o un aumento dei tentativi falliti di autenticazione. Il monitoraggio consente agli amministratori di stare in allerta, permettendo loro di identificare possibili attacchi.
  • Prevenire la perdita dei dati. Le risorse messe a disposizione da una soluzione SECaaS possono bloccare un attacco in corso, prima che porti alla perdita di dati, la quale si ripercuoterebbe negativamente sull’organizzazione.
  • Filtrare spam e email malevole. La SECaaS può essere utilizzata per bloccare phishing e malware, mettendo in quarantena email sospette per ulteriori accertamenti da parte degli amministratori, anziché recapitarle sulle caselle email dei dipendenti che potrebbero così cadere vittime della trappola.
  • Ricerca delle vulnerabilità. Prima di installare una nuova applicazione, i sistemi di scansione della SECaaS saranno in grado di rilevare potenziali vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate dai cybercriminali.
  • Gestione degli aggiornamenti di antivirus e anti-malware. L’aggiornamento automatico delle risorse permette di mantenere sempre aggiornati antivirus e software anti-malware in grado di rilevare le minacce informatiche.

Prima di scegliere un provider, è anche importante verificare che disponga di una robusta soluzione di reporting. I report sono essenziali per assicurare che le risorse stiano funzionando correttamente e le configurazioni siano impostate correttamente per il rilevamento delle minacce.

La SECaaS è solamente fornita via Cloud?

Le risorse basate sul cloud possono essere utilizzate in combinazione con l’infrastruttura locale, creando un ambiente ibrido. Le aziende possono scegliere di utilizzare integralmente risorse cloud, o mantenere un approccio ibrido, per sfruttare in cloud solamente le risorse che non sono disponibili localmente. Per rispondere alla domanda posta come titolo di questo paragrafo quindi, un modello SECaaS può utilizzare una combinazione di servizi cloud e locali, andando a costituire un ambiente ibrido.

Che si tratti di un discorso di abbattimento dei costi, o di protezione dei propri dati in maniera più efficace dalle minacce informatiche, la SECaaS offre innumerevoli benefici sia per le piccole aziende, che saranno in grado di implementare da zero infrastrutture complesse usufruendo di tecnologie altrimenti inaccessibili per i propri budget, che per le grandi aziende, che possono migrare le proprie costose risorse sul cloud, risparmiando sui costi per l’infrastruttura.

La cybersecurity costituisce un punto critico per il successo di un’organizzazione, e la SECaaS rappresenta uno strumento che aiuta a gestire e ridurre il rischio informatico. Il giusto provider dovrebbe offrire un buon sistema di reporting e strumenti che rendano facile implementare risorse in base alle proprie esigenze e all’effettivo utilizzo, ma affidatevi sempre ad un esperto per verificare che i controlli siano stati configurati correttamente. Anche le migliori soluzioni di cybersecurity sono per lo più inutili se non adeguatamente configurate, e possono portare a pericolosi data breach.

Pronto a provare Proofpoint?

Inizia la tua prova gratuita di Proofpoint.